Sostenere l’allevamento

Sostenere l’allevamento senza colpire i lupi:
una convivenza possibile

Le iniziative a sostegno della zootecnica

Una convivenza tra alle­vatori e lupi è possibile? Certamente. Sono sem­pre più numerose infatti le iniziative, le associazioni e le realtà che si stanno attivando in questo senso. Il loro primo obiettivo è quello di trovare so­luzioni capaci di alleviare i pro­blemi legati alla predazione da lupo puntando sulla prevenzio­ne. Un primo strumento concre­to per il sostegno degli allevatori è un aiuto per il mantenimento dei cani da guardiania ( come i famosi cani bianchi usati da se­coli in Abruzzo e in Maremma), che attualmente non viene oggi finanziato da programmi euro­pei o regionali di sostegno al settore zootecnico, con un con­seguente notevole aggravio dei costi. Sul territorio, in risposta a questa situazione, stanno na­scendo realtà che rispondono in modo puntuale sia al problema delle predazioni che alla neces­sità di valorizzare la pastorizia locale. Tante sono poi le inizia­tive previste per esempio per contrastare il bracconaggio, so­stenere gli allevatori e diffonde­re un’informazione corretta su una specie fondamentale per i nostri ecosistemi.

www.quotidiano.net


INFORMAZIONE

La Strategia nazionale italiana

Sono sempre più numerosi i giovani e i ragazzi delle scuole che credono nella possibilità di una convivenza pacifica tra lupo e allevatori.
Convivenza che passa innanzitutto per una la diffusione «informazioni corrette» sui metodi di «civile convivenza» fra allevatori e lupi. Tante le iniziative in questo senso: dalla distribuzione di questionari alla popolazione per capire quanto si sa dei lupi e delle loro abitudini, fino a un’originale riedizione del gioco dell’oca in chiave lupo che deve soprawivere lungo il percorso fra recinzioni elettrificate (torna indietro di due caselle) e ultrasuoni, tentazioni di mangiare una pecora (se lo fa resta fermo 4 giri mentre se mangia un cinghiale acquista energia e va avanti di 3 caselle) rivolto alle nuove generazioni, dai bambini di scuola primaria, elementari e medie; un pezzo rap per divulgare ai coetanei attraverso youtube la storia
di un lupo che parla con un ibrido e lo accusa e di rovinargli la fama e creare odio verso la propria specie.


AGGRESSIONI

Sono gli ibridi
che attaccano gli allevamenti

Attaccare un allevamento o farsi vedere nei paesi, non è da lupo. Più che dei lupi, molto spesso le aggressioni sono quindi opera di ibridi, che hanno comportamenti diversi dal lupo e si riproducono di più avendo due calori all’anno contro uno del lupo e che non hanno paura dell’uomo. Anche per questo, gli abbattimenti dei lupi non sono uno strumento per ridurre i danni da predazione, che invece vanno affrontati e risolti, sviluppando efficaci mix di soluzioni di prevenzione e difesa studiate per ogni azienda e, ove necessario, ricorrendo ad indennizzi congrui e tempestivi.

2018-02-22T17:32:18+00:00Argomento: TECNOLOGIA|Speciale |