GP del Brasile

Rapina e incidenti, paura Mercedes
Ma Bottas è in pole davanti a Vettel

Il neo campione del mondo finisce contro le barriere: è out nel Q1

Leo Turrini

CON TUTTO il rispetto, fra la Nazionale Rossa e la Nazionale Azzurra proprio non c’è paragone. La Ferrari, sia pure tra troppi rimpianti, chiuderà il suo Mondiale al secondo posto. L’Italia del calcio il suoMondiale è possibile se lo guardi in tv… Simbolo di una passione collettiva lunga settant’anni, oggi in Brasile (diretta Sky dalle 17) il Cavallino andrà a caccia di una vittoria buona per tradizione e morale. Seb Vettel sta in prima fila, Bottas con la Mercedes gli ha soffiato la pole per una manciata di millesimi. Con Raikkonen terzo al via a bordo dell’altra Rossa. E per una volta il pronostico non prende in considerazione, per la gara, un certo Lewis Hamilton…

L’ERRORE. Sembra uno scherzo del destino, credete a me. Ora che ha il titolo già in cassaforte, il Re Nero è incappato in un errore puerile all’inizio delle qualifiche. «Sono umano anche io – ha commentato il neo campione del mondo- E’ il primo sbaglio che commetto nell’arco della stagione… ». È’ vero. Hamilton dall’Australia fino al Brasile è stato semplicemente perfetto. Può darsi che mentalmente sia già in vacanza e del resto ha ogni diritto di festeggiare. Oggi il Nero scatta dal fondo. Con la Mercedes che ha, può tranquillamente sfiorare il podio. Ma vincere, insomma, sarebbe davvero clamoroso.

IL TERRORE. Consolata dalla pole del redivivo Bottas, la famiglia Mercedes ha smaltito la grande paura per l’aggressione subita da alcuni suoi tecnici l’altra notte alla uscita dal circuito di Interlagos. Una banda di rapinatori ha assalito il van del team e la stessa sorte è toccata anche al bus dei commissari della federazione. Senza feriti, per fortuna.

LA GARA. La Ferrari, con Vettel e Raikkonen così vicini a Bottas, ha una buona occasione, anche perché la Red Bull sta litigando con il motorista Renault e persino il picaresco Verstappen, quarto in griglia, si dice pessimista. Peraltro, avendo negli occhi i… precedenti!, al via sarà il caso di non sottovalutare l’olandese volante e il suo scatto da indemoniato, mentre Ricciardo sconta un declassamento di dieci posizioni in partenza causa sostituzione di una componente del motore. Tornando alla Ferrari, battere Bottas non sarà semplice. La Mercedes ha un gran passo e il finlandese è molto motivato, per una volta non dovendo preoccuparsi del compagno di squadra Hamilton. Può darsi, lo dico per esperienza diretta, che sull’andamento della corsa venga ad incidere il meteo. Ieri a San Paolo faceva brutto ed è caduta pure qualche goccia di pioggia sul circuito dedicato al magico Ayrton Senna. Oggi invece è previsto un rialzo delle temperature e talvolta con il caldo le prestazioni delle monoposto si modificano. Vedremo e vedrete, sperando che fra stasera e domani sera per le due Nazionali d’Italia, quella Rossa e quella Azzurra, torni il momento di fare festa…


Vettel, attento al Brasile:
Bottas vuole il secondo posto

Formula 1 Hamilton il più veloce: domani Gp alle 17

Interlagos

LA MERCEDES non vuole lasciare alla Ferrari nemmeno le briciole. È questo il messaggio uscito dalle prove libere del Gran Premio del Brasile. Il neo campione del mondo Lewis Hamilton è stato il più veloce, davanti al compagno di squadra Bottas. E proprio il finlandese ha l’obiettivo di strappare a Vettel il secondo posto nella classifica piloti. Ieri la Rossa ha cercato di individuare il giusto assetto, con esiti non troppo soddisfacenti. Quarto tempo per il tedesco, sesto per Kimi Raikkonen. «Ci sono cose da migliorare – ha fatto sapere Vettel – non sono pessimista, ma dubito che potremo eguagliare le prestazioni della Mercedes». Nelle qualifiche di oggi (diretta Sky dalle 17) un ruolo decisivo potrebbe giocarlo il meteo. Le previsioni indicano pioggia e sul bagnato il favorito diventa automaticamente Max Verstappen, che si sta godendo la ritrovata competitività della Red Bull. Meno allegro il suo compagno di scuderia Daniel Ricciardo, che sulla griglia di partenza del Gran Premio dovrà scontare una penalizzazione di dieci posizioni causa sostituzione di una componente della power unit. Domani il Gran Premio scatta alle 17.

L.T.

2017-11-13T17:36:48+00:00 Argomento: SPORT|Speciale |