Le scuole e il genio, ecco i temi più belli

Il concorso dei nostri quotidiani. Premi alle classi emiliane e toscane

di VALERIO BARONCINI

NELLA NOTTE dedicata al genio di Da Vinci andata in scena nella suggestiva cornice di Palazzo Re Enzo a Bologna – Leonardo, Il genio applicato – un momento speciale è stato dedicato anche alle scuole. Del resto, uno dei più grandi scienziati e inventori di sempre non può che ispirare giovani menti nella voglia di scoprire e porre i propri obiettivi sempre un po’ più in là. E così è stato, nell’ambito del premio ‘Leonardo e la strada verso l’innovazione’, un concorso rivolto alle scuole nazionali che ha coinvolto tanti liceali e che, nella serata del 22 maggio, ha visto premiati tre progetti (altrettanti ne sono stati premiati il mese successivo, a Firenze, in un’analoga serata). Il cuore dell’iniziativa – parte integrante del progetto della Poligrafici Editoriale dedicato ai 500 anni dalla scomparsa di Leonardo – è quello di creare un articolo sul tema e gli studenti hanno lasciato correre l’immaginazione con i propri elaborati. Durante la serata immersiva, prima che le immagini delle opere di Leonardo danzassero sulle pareti del palazzo storico accompagnate da una colonna sonora, Paolo Giacomin, direttore de il Carlino, ha consegnato i riconoscimenti ai giovanissimi, che hanno ricevuto un ‘mega assegno’. I primi classificati, con un articolo dal titolo ‘Leonardo oggi: l’attualità di un genio’, sono stati i ragazzi della classe 2E (Scienze applicate) del liceo scientifico Copernico. Secondi gli studenti della classe 2D del liceo classico Minghetti. Terzi, con il testo ‘Inquinamento o cambiamento. Se non ora quando?’, la classe terza del Centro italiano opere femminili Salesiane. Premiate le scuole toscane, di cui pubblichiamo all’interno gli elaborati; il concorso proseguirà dopo l’estate con i lavori delle scuole lombarde.


A VILLA ARCONATI DI BOLLATE

LA MECCANICA DEL VOLO IN MOSTRA

LEONARDO e il volo. Appena concluso il ciclo espositivo delle tavole del Codice Atlantico dedicate ai progetti sull’acqua, l’iniziativa che celebra il genio si ripete e si rinnova. Nelle sale dell’Ala della Caccia di Villa Arconati, a Castellazzo di Bollate, nel Milanese, si è aperta quella dedicata ai disegni che raccontano gli studi del Genio vinciano sul tema del volo. Una sfida che ha catturato anche Leonardo e che è stata vinta dall’uomo solo dopo quattro secoli dalla sua scomparsa. I fogli del Codice Atlantico dedicati al tema del volo, nella copia eliotipica realizzata per l’Accademia dei Lincei tra il 1894 e il 1904, sono esposti insieme a splendidi modelli di macchine leonardiane. Per visitare la villa: apertura al pubblico dalle la domenica dalle 11 alle 19 (il giardino chiude alle 18.30) Ingresso 7/5 euro. Visita guidata 4 euro, ore 11.30 – 14.30 – 17.30. Per la mostra su Leonardo 3 euro.