A colazione, pranzo, cena

Digital Paper: Gelato

Racconto di una dolce storia: Quella del re del fine pasto

Sfizi a cui è davvero difficile poter “resistere”

Il dolce, immancabile a fine pasto, è quell’accento goloso e sfizioso che ci rende la giornata meno difficile e amara. Dobbiamo comunque ritenerci fortunati perchè i no­stri avi, per molto tempo non hanno potuto godere di questo piacere culinario. I dolci erano gia conosciuti nell’antichita in Europa ma non erano molto diffusi perche per la loro preparazione mancava l’elemento base, cioe lo zucchero, che era sostituito dal miele. Lo zucche­ro di carina originalmente era usato in medicina come lassativo ed in Europa aveva un prezzo molto alto trattandosi di merce di importazione. Nell’Al­to Medioevo l’arte dolciaria era mantenuta eccezionalmente dalle suore nei conventi dove si preparavano principalmente biscotti e pasticcini molto semplici. Furono gli arabi a perfezionare le conoscenze gastronomiche divenendo dei raffinati pasticcieri. Dagli arabi in poi l’arte dolciaria progredi continuamente raggiungendo nel 1600 circa la sua più alta perfezione e diffusione in tutto il mondo. E da allora sulle tavole e nelle colazioni di mezzo mondo non mancano mai torte, cioccolatini, praline e quanto di dolce si trova in circolazione.


Buoni a tutte le ore, una vera passione

Il dolce e il piatto for te di qualsiasi pranzo o cena ma fa bella mostra di se anche a colazione, a merenda, nei buffet, insomma in qualsiasi occasione. Poche persone non lo amano e pochissime sanno resistere alla tentazione di assaggiarlo; anzi molti saltano qualche portata pur di non rinunciare a questo sfizio per la mente e per il corpo.


CIOCCOLATO

Alla scoperta del cibo degli dei

Basta provare ad assaggiarlo per capire perche il cioccolato viene definite ‘II Cibo degli Dei’. È difficile credere che questa squisita miscela di burro di cacao, zucchero e latte, che si scioglie in bocca e stimola tante piacevoli sensazioni possa anche fare bene al nostra organismo. Nuove ricerche hanno dimostrato che, contrariamente alla convinzione comune che tutto cio che e buono debba in qualche modo fare male, il cioccolato e un vera cocktail di sostanze potenzialmente protettive, Nel cacao sono presenti alcuni antiossidanti che esercitano effetti positivi sull’organismo contribuendo ad evitare l’ossidazione del colesterolo, un processo che puo portare al blocco delle arterie e alla riduzione del flusso sanguigno. Alcuni polifenoli noti come catechine, che sono i componenti principali del te, sono stati rilevati sia nel cioccolato fondente sia nel cioccolato al latte e si ritiene che possano contribuire alia prevenzione delle malattie cardiovascolari, potenziando il sistema immunitario e abbassando il rischio di alcuni tipi di tumore. Uno studio fatto su più di 6000 uomini e donne ha dimostrato che il cioccolato può fornire fino al 20 % delle catechine totali assumibili tramite l’alimentazione. La maggior parte della gente tuttavia concorda su un fatto: una volta che si assaggia il cioccolato è difficile smettere di mangiarlo.

2018-05-28T09:15:12+00:00Argomento: FOOD&BEVERAGE|Speciale |