Nessun banner da visualizzare

L’Accademia tra tradizione e innovazione

Macerata: a pittura, scultura, decorazione e grafica affiancati corsi per trovare lavoro nella rappresentazione visiva e in nuove professioni

MACERATA

Se il diffondersi del digitale da un lato si è dimostrato essenziale nella prosecuzione dell’attività didattica, dall’altro continua a essere senza dubbio un’opportunità strategica per il futuro di molti giovani. A ciò l’Accademia di Belle arti di Macerata ha sempre guardato con interesse, nella convinzione che, un percorso di alta formazione artistica oggi, per immergersi nella contemporaneità, debba muoversi fra conoscenze tradizionali e innovative. Non a caso, sia nei corsi triennali che biennali, afferenti, ad esempio, al dipartimento di Arti visive, alle classiche discipline di pittura, scultura, decorazione e grafica, all’approccio laboratoriale – essenziale ad acquisire competenze di alto profilo artigianale – sono state implementate nuove metodologie progettuali e di innovazione tecnologica, determinanti a sbocchi lavorativi nel mondo della rappresentazione visiva e alle professioni di domani. Una vocazione, quella fra tradizione e innovazione, che si attesta anche dall’offerta del ciclo unico quinquennale abilitante alla professione di restauratore dell’Irm-Istituto di restauro. Del dipartimento di Progettazione di arti applicate, cui fanno riferimento i corsi di fashion design, con specialistica per l’impresa al biennio, graphic design, fotografia, arte del fumetto e illustrazione, scenografia per lo spettacolo, comunicazione visiva multimediale (metodologie della comunicazione visiva per le arti multimediali al Biennio) si segnalano, in particolare, i corsi di light design e design & interior design al triennio che continuano con quello di visual light design. Un segmento unico nel panorama accademico italiano perché completo di titolo triennale e specialistico e che prevede una specifica formazione dedicata alla progettazione artistica della luce spendibile in tutti gli ambiti della comunicazione visiva: spettacolo, allestimenti, esposizioni museali, scenografia d’ambiente, eventi live, architettura e urbanistica, nonché del design illuminotecnico. Un percorso sul quale Abamc sta investendo molto, immaginando a breve di poter ampliare la propria offerta proprio in questo settore, come anche in quello della comunicazione e valorizzazione del patrimonio artistico contemporaneo, rafforzando ancora di più proprio quegli aspetti legati al digitale e al web che, non vogliono in alcun modo sostituirsi al grande sapere del fare ma a esso integrarsi per una concreta e tangibile lettura del presente. Anche il corso di arte del fumetto e illustrazione si completa al biennio con una specializzazione in Linguaggi e arte del fumetto. Un percorso che, più di frequente accessibile tramite scuole private anziché pubbliche, è orientato all’acquisizione di competenze che consentono la libera professione nel vasto campo dell’editoria di settore, della graphic novel e del fumetto digitale e che proprio a Macerata, inoltre, è possibile approfondire ulteriormente con il Master ars in fabula accademico di primo livello in illustrazione per l’editoria.
https://www.abamc.it/offertaformativa/ guida-completa.


ALL’OPERA

Campagna iscrizioni creata dagli studenti

Libertà creativa, immaginazione, innovazione, eleganza e bellezza, volontà di ridisegnare il futuro, sguardo teso al domani, sono le radici sulle quali poggia la formazione accademica, un’istituzione artistica di alta cultura che prepara al mondo del lavoro i creativi di domani. Fra i progetti maturati durante il lockdown c’è quello del docente Luigi Pagliarini che, con oltre 150 allievi, ha creato opere video e animazioni sui temi in stato d’isolamento: il volto, il corpo e il gesto artistico, dando vita a un’unica espressione artistica. Questi valori sono parte dell’hashtag #pensocreostudio lanciato sulle pagine social dell’Accademia e scaturiti dai corsi a distanza e anche dello slogan #Haicartabianca, la nuova campagna iscrizioni di Abamc 2020-2021 ideata dagli studenti e contest aperto a tutti fino al 2 agosto.

Nessun banner da visualizzare