Regole e modalità da conoscere

Digital Paper: Fatturazione Elettronica

Come si procede alla compilazione

Disponibili anche i programmi dell’Agenzia delle entrate

Per compilare una fattura elettronica è necessario disporre di un software che consenta la creazione del file della fattura stessa nel formato XML previsto. L’Agenzia delle entrate mette a disposizione gratuitamente tre tipi di programmi: una procedura web, utilizzabile accedendo al portale “Fatture e Corrispettivi” del sito internet dell’Agenzia (necessario disporre di una connessione in rete); un software scaricabile su PC (tale procedura può essere utilizzata anche senza essere connessi in rete); un’App per tablet e smartphone, denominata “Fatturae”, scaricabile dagli store Android o Apple (necessaria la connessione in rete). In alternativa, è possibile utilizzare software privati solitamente rilasciati dagli stessi produttori dei software gestionali utilizzati dagli operatori per predisporre e registrare in contabilità le fatture. Fonte: www.agenziaentrate.gov.it

Come si procede in pratica? Nella compilazione è necessario inserire i dati del cliente (cessionario/committente), ricordandosi di compilare sempre il campo “Codice Destinatario”. Come per le fatture in formato analogico, devono essere inseriti i dati relativi alla natura, quantità e qualità del bene ceduto o del servizio prestato, nonché i valori dell’imponibile, dell’aliquota Iva e dell’imposta (ovvero, nel caso di operazioni esenti, non imponibili ecc., l’apposito codice che identifica la “natura” dell’operazione ai fini IVA).

Una volta compilata la fattura con tutti i dati minimi obbligatori previsti dalla legge (art. 21 del Dpr n. 633/1972), la procedura dell’Agenzia delle Entrate -ma normalmente anche i software privati- permette di ricontrollare tutte le informazioni inserite e salvare il file della fattura nel formato obbligatorio XML, l’unico formato ammesso per procedere all’invio che dovrà essere effettuato attraverso il Sistema di Interscambio. Prima di procedere all’invio della fattura, è necessario firmarla tramite firma elettronica qualificata.


SISTEMA DI INTERSCAMBIO LA CONSEGNA AVVIENE DOPO ALCUNI CONTROLLI

Fatture a destinazione grazie al “postino digitale”

La fattura elettronica si invia al Sistema di Interscambio, lo “snodo” attraverso il quale avviene il corretto recapito del documento al destinatario. L’operatore IVA può trasmettere direttamente la fattura elettronica oppure può farla trasmettere per suo conto, da un soggetto terzo, solitamente un intermediario o un provider che offre servizi di trasmissione e ricezione delle fatture elettroniche. Una volta che il file della fattura elettronica è stato trasmesso al SdI, quest’ultimo esegue alcuni controlli e, se tali controlli sono superati, trasmette il file all’indirizzo telematico presente nella fattura. I tempi in cui il SdI effettua le operazioni di controllo e consegna della fattura possono variare da pochi minuti ad un massimo di 5 giorni nel caso in cui sia molto elevato il numero di fatture che stanno pervenendo al SdI in quel momento.


STEP

Come provvedere alla conservazione elettronica

Per legge (art. 39 del Dpr n. 633/1972) sia chi emette che chi riceve una fattura elettronica è obbligato a conservarla elettronicamente. La conservazione elettronica, tuttavia, non è la semplice memorizzazione su pc del file della fattura, bensì un processo regolamentato tecnicamente dalla legge (CAD – Codice dell’Amministrazione Digitale). Con il processo di conservazione elettronica a norma, infatti, si avrà la garanzia – negli anni – di non perdere mai le fatture, riuscire sempre a leggerle e, soprattutto, poter recuperare in qualsiasi momento l’originale della fattura stessa (così come degli altri documenti informatici che si decide di portare in conservazione). Il processo di conservazione elettronica a norma è usualmente fornito da operatori privati certificati facilmente individuabili in internet; tuttavia, l’Agenzia delle Entrate mette gratuitamente a disposizione un servizio di conservazione elettronica a norma per tutte le fatture emesse e ricevute elettronicamente attraverso il Sistema di Interscambio.

2019-01-14T14:09:42+00:00Argomento: ECONOMIA|Speciale |