Una città, un golfo, un comprensorio

Termomeccanica Pompe

Con Termomeccanica Pompe dalla Russia alla Corea del Sud con destinazione Kuwait

Sarà progettato e costruito da TMP tutto l’apparato di pompe super tecnologiche per il grande impianto di gas ad Al-Zour

Dalla Russia – dove è stata costruita e inaugurata come si sa una fabbrica nella regione industriale degli Urali – alla Corea del Sud con destinazione Kuwait e non solo. Queste le ultime tappe di Termomeccanica Pompe nel mettere a segno nuovi punti nella strategia internazionale. Il cliente è la Hyundai Engineering & Construction per la fornitura base di pompe di nuovissima generazione da installare in un mega impianto per la Kuwait National Petroleum Company (KNPC) del valore iniziale di 10 milioni di euro di fornitura di base oltre al contratto di service. E’ la fornitura che Tmp si è infatti aggiudicata alla fine del 2016 comprendente 14 Sea Water Supply Pumps più 2 Sea Water Cooling Pumps per l’impianto LNG di Al-Zour in Kuwait. Più forti nel sud est asiatico Questo pacchetto di pompe centrifughe rappresenta inoltre la prima fornitura di notevole importanza alla società coreana Hyundai Engineering Co. che va a consolidare l’obiettivo strategico di rafforzamento della presenza di Termomeccanica Pompe nel territorio sud coreano, a seguito della fornitura da 3.3M� di pompe verticali a HDEC Hyundai Engineering & Co per ADMA-OPCO degli Emirati Arabi Uniti.

Tre bilioni di metri cubi al giorno La fornitura fa parte della costruzione di un impianto di rigassificazione in grado di elaborare 3 bilioni di metri cubi di gas al giorno e comprende 8 serbatoi di stoccaggio LNG (8-10 volte Panigaglia) aggiudicato appunto al consorzio coreano HEC, HDEC e Korea Gas Corporation, per la compagnia nazionale kuwaitiana responsabile della parte downstream della raffinazione del petrolio: la KNPC Kuwait National Petroleum Company.

Ricambi e attività di service L’ impianto LNG di Al-Zour è un Open Rack Vaporizers , le pompe TM.P. andranno cioè ad alimentare con acqua di mare uno scambiatore di calore (vaporizzatore) in grado di portare il gas naturale liquefatto da 160°C a temperatura ambiente e quindi allo stato gassoso. Mentre l’utilizzo di acqua di mare rende questa tipologia di impianto estremamente economica e in linea col trend di mercato di questi ultimi anni per la sua semplicità e facilità di manutenzione, le pompe di Termomeccanica vantano la loro altissima tecnologia di costruzione meccanica e di controllo e monitoraggio elettronico di assoluta avanguardia. Sono pompe progettate in accordo con le più stringenti specifiche DEP Shell, compreso il materiale molto tecnologico. Si aggiunge – è il commento dell’amministratore delegato di Tmp ingegner Edoardo Garibotti – alla commessa già una significativa percentuale del carico di lavoro con ottime prospettive per future vendite di ricambi e di attività di service.


FLUSSI SUPERSONICI

Un progetto di ricerca da 6 milioni

I risultati operativi presentati nella sede del Distretto Ligure delle Tecnologie Marine, presenti l’assessore regionale allo Sviluppo Economico Edoardo Rixi e il presidente del Dltm Lorenzo Forcieri, del progetto denominato Flumarturb, che ha portato alla realizzazione di una turbina a vapore per il recupero dell’energia termica derivante dai fumi di scarico a bordo delle navi da crociera – turbina di ultima generazione che utilizza flussi supersonici per ottemperare ai necessari requisiti di compattezza e leggerezza mantenendo elevati livelli di efficienza – confermano l’interesse e lo spessore della ricerca in Termomeccanica Pompe. Da sottolineare che il progetto è costato complessivamente 6 milioni di euro e che ha ottenuto dal Ministero dell’Università e Ricerca un contributo a fondo perduto del 35%, ma anche un credito agevolato per il restante 65% che è posto interamente a carico delle aziende. Ciò testimonia inoltre del forte interesse industriale nel progetto e delle concrete possibilità di commercializzazione. Sono da sottolineare anche le importanti ricadute occupazionali sia per TMP che per Fincantieri: le due aziende hanno infatti assunto giovani ingegneri nelle rispettive sezioni di Ricerca e Sviluppo in sigla R&S.

TERMOMECCANICA POMPE EDOARDO GARIBOTTI: IL FATTURATO OLTRE I 120 MILIONI DI EURO

La produzione della società più che raddoppiata in cinque anni

PER RESTARE in tema di aggiornamenti vanno sottolineate anche le ricadute industriali e occupazionali già importanti e significative del progetto Flumarturb – di Fincantieri e Termomeccanica – attivato e coordinato da Dltm, progetto che ha portato alla realizzazione di una turbina a vapore per il recupero dell’energia termica che deriva dai fumi di scarico delle navi da crociera Fincantieri ha venduto 5 di questi sistemi innovativi al Gruppo Carnival dei quali uno è già stato installato ed i restanti 4 sono in fase di realizzazione.

Il contributo di Termomeccanica Pompe si è invece concentrato sullo sviluppo di un ambiente di progettazione fluidodinamica avanzato che consente di ottimizzare le prestazioni di pompe centrifughe e ridurre considerevolmente i tempi di realizzazione di tali macchine.

Grazie anche all’ausilio di questo nuovo strumento TMP ha avuto la possibilità di acquisire importanti contratti di fornitura di “high energy pumps” per il trasporto di greggio negli oleodotti siberiani tramite la joint-venture con i partner russi Trasneft e Konar. Progetto che ha anch’esso contribuito – fa presente l’amministratore delegato Edoardo Garibotti – alla crescita del fatturato della Termomeccanica Pompe che è cresciuto nel 2016 ad un consolidato che supera i120 milioni di euro.

La produzione di Termomeccanica Pompe è così passata da 48 milioni/euro nel 2012 a quasi 100 milioni/euro nel 2016.

2017-03-31T11:25:18+00:00