Sogno Nerazzurro

Pisa – Avellino

Vincere è l’unica cosa che conta
Tre punti per inseguire la salvezza

Dubbi sulla presenza di Masucci e Tabanelli, con problemi muscolari

TRE PUNTI per tenere accesa la speranza. Deve vincere il Pisa nella sfida di Pasquetta contro l’Avellino: per tornare ad accampare concrete ambizioni di salvezza e spegnere tensioni che cominciano a covare sotto la cenere dopo aver raccolto appena tre punti nelle ultime sei partite, quelle in cui, invece, avrebbe dovuto spiccare il volo verso posizioni di classifica più tranquille. Mai come stavolta conta solo il risultato: certo, se la vittoria arrivasse al termine di una prova convincente, quanto in meno in linea con le prestazioni offerte fino alla nefasta sconfitta di Vicenza, sarebbe decisamente meglio. Ma prima di tutto servono i tre punti, a qualunque costo: un successo, infatti, potrebbe consentire ai nerazzurri di avvicinare o addirittura raggiungere Brescia e Ternana al terz’ultimo posto dato che le rondinelle ospitano il Benevento e gli umbri vanno a far visita all’Entella, sfide sulla carta tutt’altro che in discesa per le due avversarie dirette nella corsa salvezza. E, forse, pure di mettere nel mirino il Trapani contro cui Mannini e compagni incroceranno i tacchetti sabato prossimo: i lanciatissimi siciliani, infatti, sono di scena a Ferrara sul campo della capolista Spal nell’anticipo delle 12.30. Una battuta d’arresto non è scontata ma assolutamente possibile. L’Arena ci sarà, come sempre nelle occasioni importanti. La tifoseria lo ha già detto a modo suo nei giorni scorsi: stadio già tutto esaurito da un paio di giorni, ad eccezione della tribuna coperta, il settore un po’ più costoso del catino nerazzurro.

IL MOMENTO è decisivo e ogni mezzo è lecito pur di arrivare al risultato. Anche il ricorso alla pretattica cui il tecnico nerazzurro Gennaro Gattuso ha fatto ampio ricorso pure questa settimana. Allenamenti a porte chiuse e zero informazioni ufficiali sulle condizioni degli infortunati, per molti dei quali per altro sarà decisiva la rifinitura di oggi. Golubovic, comunque, dovrebbe essere a disposizione e non è escluso possa scendere in campo dal primo minuto. Lo stesso dicasi per capitan Mannini che da qualche settimana gioca grazie ad infiltrazioni alla caviglia dolorante. Si deciderà in extremis, invece, sul conto di Masucci e Tabanelli, entrambi alle prese con problemi muscolari.

LA PRETATTICA

ALLENAMENTI A PORTE CHIUSE E NO INFORMAZIONI SULLE CONDIZIONI DEGLI INFORTUNATI, PER MOLTI DEI QUALI SARÀ DECISIVA LA RIFINITURA DI OGGI

I TIFOSI

STADIO GIÀ TUTTO ESAURITO DA UN PAIO DI GIORNI, A ECCEZIONE DELLA TRIBUNA COPERTA, IL SETTORE UN PO’ PIÙ COSTOSO DEL CATINO NERAZZURRO

(EX) INFORTUNATI

Golubovic ritorna disponibile e anche Mannini forse in campo fin dal primo minuto

Focus

Marco Piccinini

Arbitra Marcio Piccinini di Forlì, una sorta di portafortuna per il Pisa. E’ vero, infatti, che ha diretto anche la sfortunata sfida dell’andata contro l’Avellino, che si chiuse con una fortunosa vittoria di misura (1-0) per gli irpini, ma è stato anche il fischietto dell’unica partita che il Pisa ha vinto all’Arena nel 2017.

Umberto Eusepi

Prima di essere ceduto proprio alla compagine biancoverde irpina, durante il calcio-mercato dello scorso gennaio, l’attaccante Umberto Eusepi con la maglia nerazzurra aveva fatto registrare 17 presenze, 3 reti, 1029 minuti giocati, 5 subentri, 7 sostituzioni e 3 ammonizioni.

Walter Novellino

Secondo confronto tecnico in partite ufficiali tra i due allenatori, Gennaro Gattuso e Walter Novellino: l’unico precedente è relativo alla serie B 2013/14, quando il Modena di Novellino ed il Palermo di Gattuso pareggiarono 1-1 in Emilia.

PRIMAVERA

Atalanta troppo forte per i ragazzi di Landoni

STAVOLTA l’impresa non è riuscita. Diversamente dall’andata, quando i «nerazzurrini» riuscirono a bloccare l’Atalanta sull’1-1, nella sfida di ritorno la Primavera resiste solo quaranta minuti alla corazzata orobica che chiude il primo tempo in vantaggio di una rete e dilaga nella ripresa calando la «manita». Grande protagonista della sfida il talento del gambiano Musa Barrow, autore di una tripletta, ultimo prodotto sfornato dal sempre fertile vivaio bergamasco. In gol anche Mallomo e il capitano Gatti. Con questo successo l’Atalanta balza provvisoriamente al primo posto del girone C (complice anche il rinvio al 22 aprile della gara fra Inter e Frosinone) e, soprattutto, ipoteca la qualificazione alla «final eight». Il Pisa, invece, rimane al penultimo posto e sabato 29 aprile proverà a riscattarsi nella sfida con il Crotone. Gli altri risultati: Ternana-Cagliari 2-0, Bologna-Novara 1-0, Palermo-Roma 1-2, Genoa-Salernitana 4-1, Crotone-Entella 0-4. Classifica: Atalanta 57 punti; Inter 56; Roma ed Entella 52; Genoa 47; Bologna 44; Palermo 34; Novara 33; Crotone 28; Cagliari 23; Ternana 21; Frosinone 14; Pisa 13 e Salernitana 5 (Inter e Frosinone una partita in meno).

2017-04-18T16:54:00+00:00