IL SINDACO

//IL SINDACO

IL SINDACO

Pitti Edizione numero 95
Non chiamatela fiera

Una kermesse profondamente culturale con numeri importanti e
una città che si trasforma in vero e proprio brand internazionale

di Dario Nardella*

Torna Pitti Immagine Uomo e apre l’anno della moda italiana. L’edizione numero 95 porterà come di consueto una ventata di colori, fashion, innovazione e nuove tendenze che ci aspettano alla Fortezza da Basso. Non dubitiamo che anche questa sarà un’edizione ricchissima, con oltre 1200 marchi, moltissimi internazionali, che conferma quel ruolo di leadership che Firenze conserva nel settore della moda, a cominciare dalle griffe che qui hanno cuore e basi logistiche, dal nostro distretto in salute, dalla nostra storia che fece nascere proprio nella nostra città, nella Sala Bianca di Pitti, la moda italiana moderna. In un mondo in continuo, turbinoso movimento, Firenze è un marchio, un brand unico, un mix perfetto e inimitabile di cultura, arte, storia e bellezza. Un ideale palcoscenico per un evento, quello di Pitti Uomo, che non è solo un momento fieristico ma una kermesse profondamente culturale. Non a caso organizziamo da tre anni Secret Florence, connubio tra moda e arti performative nei luoghi più nascosti della città.

In un mondo in continuo e turbinoso movimento,
Firenze è un brand unico, un mix perfetto
di cultura, arte e bellezza

Non a caso molte maison amano sfilare nei nostri spazi più affascinanti con progetti site specific: penso alla straordinaria Manifattura Tabacchi che è in piena valorizzazione, penso ai musei, dagli Uffizi al Giardino di Boboli a Santa Maria Novella. Penso anche alla Stazione Leopolda, nuova ‘casa’ definitiva di Pitti Immagine che darà ulteriori certezze logistiche e rafforzerà indelebilmente il legame con la città di Firenze. Mi preme poi, da Sindaco, un’ultima osservazione: questa edizione sarà la prima con cui visitatori, espositori e buyers potranno raggiungere la Fortezza da Basso con la nuova tramvia. Non è solo un mezzo più comodo per spostarsi: è l’idea di una città che va avanti, che si muove, che cresce e guarda al futuro, e nel suo futuro Pitti non potrà mai mancare. Diamo quindi il bentornato a Pitti Uomo: Firenze non cesserà di sostenere e valorizzare questo salone contribuendo alla promozione della moda italiana in tutto il mondo.
* Sindaco di Firenze

2019-01-09T11:20:57+00:0009 Gennaio 2019|Moda|