L’alba di un nuovo
Museo della Moda

Fondazione Pitti Immagine Discovery e Gallerie degli Uffizi
con il sostegno del Centro di Firenze per la Moda Italiana
portano avanti un progetto nato già all’inizio del 2016

All’inizio del 2016, un accordo tra Fondazione Pitti Immagine Discovery e Gallerie degli Uffizi, sostenuto dal Centro di Firenze per la Moda Italiana, ha dato l’avvio a un programma triennale di mostre di cultura della moda contemporanea, organizzate a Palazzo Pitti a Firenze.

Il programma è articolato attraverso mostre, pubblicazioni, installazioni ed eventi speciali, dove vengono valorizzati i contenuti culturali della moda ed esplorati i molteplici rapporti con l’arte e il design, elementi essenziali di una lingua fatta di sperimentazioni creative che riassumono stili e tendenze del nostro tempo. L’obiettivo dell’accordo è la collaborazione strategica triennale al fine trasformare la Galleria del Costume in un nuovo Museo della Moda.
Un passaggio non solo simbolico, che dopo l’importante mostra Karl Lagerfeld. Visions of Fashion inaugurata l’anno scorso, entra nel vivo del suo percorso proprio in occasione di questo Pitti Uomo, con l’inaugurazione il prossimo 13 giugno della mostra Il Museo Effimero della Moda. Il progetto è frutto di un lavoro comune tra la Fondazione Pitti Immagine Discovery, Gallerie degli Uffizi e Palais Galliera di Parigi – due tra le più importanti istituzioni museali del mondo – sotto la guida di uno dei curatori di moda più ammirati a livello internazionale, Olivier Saillard. Grazie a questo tipo di eventi Firenze e la sua area metropolitana possono consolidare la posizione di moderno crocevia della moda internazionale e il ruolo di riferimento tra contemporaneità e tradizione, innovazione e conservazione. Un traguardo importante anche per tutto il Sistema Moda del nostro Paese. La mostra è stata resa possibile dal sostegno straordinario del Ministero dello Sviluppo economico e di Agenzia Ice, oltre alla disponibilità del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, quest’ultimo con l’obiettivo manifestato di aprire il patrimonio museale italiano alla moda.

I Pitti Italics vedono protagonisti
Federico Curradi e Alanui, giovane brand
fondato dai fratelli Nicolò e Carlotta Oddi

In una fase di forte sviluppo delle nostre attività e in uno scenario internazionale che cambia a grande velocità, la collaborazione con le istituzioni nazionali è di fondamentale importanza.
Una partnership progettuale e produttiva che si sviluppa attraverso migliori e più ampi servizi di incoming, offerti a compratori e giornalisti internazionali che arrivano a Firenze nei giorni dei saloni Pitti, campagne pubblicitarie e di comunicazione più accurate, progetti speciali e coinvolgenti.

Il Ministero dello Sviluppo Economico e Ice sono al nostro fianco anche nella promozione dei giovani designer italiani che dimostrano capacità e talento attraverso il concorso Who is on Next? Uomo e le presentazioni moda dei Pitti Italics, che stavolta vedono protagonisti Federico Curradi e Alanui, giovane brand fondato dai fratelli Nicolò e Carlotta Oddi. Fino al progetto Guest Nation che presenta alcuni tra i più promettenti fashion designer dall’Australia, in collaborazione con The Woolmark Company.

In occasione del Pitti Uomo 92, il Centro di Firenze per la Moda Italiana ha organizzato, nella serata del lunedì 12 giugno, a Palazzo Pitti, un elegantissimo benvenuto a tutti gli ospiti prestigiosi della manifestazione e un spettacolare evento come omaggio alla città. ¡

*Presidente Centro di Firenze per la Moda Italiana
Presidente Fondazione Pitti Immagine Discovery